venerdì 29 novembre 2013

GIOCHI d’INFANZIA del passato


Firricchiocchiaru, u-
Vàzzica, – a
Càbbissi, – i
Cannìddu, – o
Santaramùnnu, - a
Putiedda, –
Capusedda, - a
casuzza  - a Costruita con pietre piatte o cocci di vasi o mattonidi terracotta (i grasti)
strummula – u, la trottola; strummuluni – u; piricuttu – parti o proprietà della trottola; a lazzata, lo spago grosso (u rumaniddu) che faceva girare la trottola – Un detto a proposito:nun vali un sordu cu tutta a lazzata, detto di persona di poco conto) - u pizzu, l’asse metallico su cui girava la trottola; esso era piscazzuni se esso non era liscio sulla pianta della mano; giacanedda o na filìnia se era come un leggero solletico
Ammucciaredda,  – a
Latri carrabba, – a
 Affirrariddu, – a
Quattru cantuna, i –
Jhiucu de' grasti (i cocci di piatti decorati purchè con un frammento di figura; quelli solo col bianco del piatto non avevano valore)  
mmarredda –
Telefunu, - u, con due scatolette di latta (pignateddi) legate ai rispettivi fondi con un filo di spago, tenuto teso a distanza: in una scatoletta si parlava dentro e l’altro ragazzo che stava all’ estremità opposta la  portava all’orecchio, le vibrazioni sonore arrivavano lungo lo spago se tenuto teso… E viceversa: la scatoletta si alternava  dalla bocca all’orecchio.
carrittiddu  costruito con i cloatodi, le pale di ficodindia, – u
casuzza, - a( con pietre e impasto di sola sabbia)
vussica [la vescica del maiale macellato e gonfiata col fiato; sostituiva i palloncini di gomma allora molto rari....]

CHI PIU’ NE HA PIU’ METTA, grazie per la collaborazione


Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog

Informazioni personali

La mia foto

Di Cateno Corbo pare che al momento ne esista uno solo