sabato 10 novembre 2012

U CHIAMU, poesia della concittadina Rosa Bianca Cosentino

U CHIAMU è una poesia della nostra concittadina Rosa Bianca Cosentino già pubblicata nel sito dei villarosani.it.
La poesia fu prima in classifica nel Concorso "Botteghelle" indetto dal Comune di Fiumefreddo di Sicilia e quarta al Premio "V. De Simone" indetto dal Comune di Villarosa

U CHIAMU
U chiamu era un disperato quanto ingenuo appello a persona cara che da tempo non dava notizie e praticato fino a qualche tempo fa da madri o spose della nostra gente. Queste in luogo aprico e solitario di notte lanciavano un accorato richiamo il cui eco di ritorno veniva quasi sempre interpretato come fausto segno. Non di rado però, un casuale passante, per pietà o per burla, completando l'eco, alimentava una disperata speranza.



L'aria sirena nun smovi ‘na foglia,
sintu cantari fistusi li griddi,
mentri d'atturnu ccu vuci suavi
parlano e jocanu li picciriddi.

Sugnu ‘ncampagna, ‘n cuntrata Li Pira,
cca ma famíglia sugnu assittatu,
omu anzianu, ma omu cuntentu
d'aviri tanti niputi a lu latu.

Tutt'a na vota, Pinuzzu, u picciddu,
dici a Giuànni: - Gridamu, gridamu,
jucamu a l’eccu ca duppu tanticchia
li nustri stessi paroli ascutàmu.

Grida Pinuzzu, grida Giuànni
e l'eccu sempri fìdeli rispunni;
mentri ca jòcanu i cari ‘nnuccenti,
mi ‘nfoca u cori, mi curri la menti:

lu ma pinziri mi porta luntanu,
mi veni mmenti la ‘zzi Mariedda,
quannu, carusu pigliava a ma manu
e mi diciva: - Cci vini a Purtedda?

Facìmu u chiamu a ma figliu Pippinu,
ca nun mi scrivi e si trova a la guerra;
chidìmu a l'eccu e vidìmu s’un gnurnu
torna lu giuvini nni la so terra!

La vicchiaredda gridava e chianciva,
gridava forti: - Mi turni, Pippinu?
Mentri darrì la muntagna luntana
vuci piatùsa accussì rispunniva:

- Ritorna... torna... torna Pippinu,
timpu ‘a spittari iuncinnu li manu
e certu u’ gnurnu lu po' rincuntrari,
forsi ssu iurnu u gne tantu luntanu…

La vicchiaredda turnava cuntenti
e mi stringíva cchiù forti la manu
e lu so passu nun gnera cchiu lentu,
iva dicinnu: - Mi torna Pippinu!

Passà lu timpu e Pippinu 'un turnà,
murì di lacrimi la vicchiaredda;
e sulu tannu nno munnu dei giusti,
ncuntrà lu figliu la zzi Mariedda.

Chianciu, a sugliuzzu ‘n cuntrata Li Pira
ccu l’ucchi chini di lacrimi amari,
guardu scantatu li ma niputíddi,
sempri ‘ i vulissi ccu l’eccu jucari...

Mai vulissi ca un rre Ciccupeppi
issi chiamannu li figli da genti
ppi la so gloria e ppi lu so putìri
mentri a li matri 'un ci arristassi nenti!

Rosa Bianca Cosentino

Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog

Informazioni personali

La mia foto

Di Cateno Corbo pare che al momento ne esista uno solo