domenica 7 marzo 2010

Il canto che segue non è di De Simone ma citato dallo stesso in "Bellarrosa: Uomo serio", a pag.149. Perciò lo voglio riproporre perchè esso è tipico della cultura mineraria, fatta anche di "vapparì e cutedda".
Il titolo va interpretato, "alla maniera degli zolfatai".

A LA SURFARARA


'Nti na vanedda tignu 'na spiranza,
ca lu me cori a tia sempiri penza;
si cc'eni 'nquarcaduni ca s'avanza,
vinissi 'nfacci a mia di prisenza;
s'è camurrista, cci pirciu la panza,
'n galera mi nni vaju all'accurrenza;
ca 'nti sta manu tignu la lanza,
e 'nti chist'antra, pistola e prisenza.

Cerca nel blog

Lettori fissi

Archivio blog

Informazioni personali

La mia foto

Di Cateno Corbo pare che al momento ne esista uno solo